Camminare VS Correre


Ho sempre preferito camminare al correre. Fin da piccolo mi dilettavo coi miei amici o i miei genitori in lunghe passeggiate. Erano talmente lunghe che spesso mi ritrovavo da solo. Non sentivo mai la stanchezza fino a quando non mi fermavo. Avevo il mio ritmo, e finchè lo mantenevo potevo andare avanti per molto. Ricordo anche le lunghe passeggiate estive sul bagnasciuga con gli amici per osservare le belle ragazze, o quelle per scoprire e conoscere meglio un luogo nuovo in cui ero in vacanza. Senz’ altro non sono mai stato un fan dell’ alienante tapis-roulant dove il paesaggio è sempre lo stesso e come esso anche la corsa impedisce di prestare attenzione a ciò che ci circonda, si è troppo impegnati a stare attenti a buche, dossi ed ostacoli vari. La corsa poi, non consente di pensare, anche avendo il proprio ritmo, un rilassamento o una piccola distrazione può facilmente portare ad un infortunio. Amavo camminare con il mio cane soprattutto quando uscivano le belle giornate di primavera.
Così la camminata mi è tornata utile nella definizione muscolare per la mia prima gara di BodyBuilding. In questo tipo di competizione l’importante é perdere grasso cercando di conservare la maggior massa magra possibile. Molti ricorrono a valanghe di farmaci, altri come me devono studiare strategie di manipolazione del grasso naturali. Ascoltando il mio corpo, e visto che si era nella preparazione, durante il periodo primaverile cominciai le mie camminate. Il risultato fu che conservai buona parte della mia massa magra faticosamente raggiunta in anni di allenamento e persi il grasso in eccesso.
Ho sempre evitato l’ aerobica a medio-alta intensità visto che in passato era solo servita a perdere,in poco tempo, muscoli guadagnati con tanta fatica. Persino il famoso battito lipolitico del 65/75% non aveva funzionato con me, catabolizzando quantità elevate di massa magra. Lì dove ciò avevo fallito, delle semplici camminate tra gli 80 ed i 100 battiti al minuto mi avevano dato ciò che avevo sempre cercato. Quest’ anno ho effettuato la controprova ed il risultato è stato lo stesso.
Ora, a conferma di ciò, c’é anche un esperimento scientifico* dove si è notato in ragazzi obesi che con una camminata a 4 km/h bruciavano una maggiore quantità di grasso corporeo a differenza di una effettuata a 6 km/h. Si è notata che aumentando il passo, aumentava sì il dispendio calorico ma le fonti che il corpo andava a bruciare si spostavano mano mano che saliva la velocità, verso le riserve di glicogeno muscolare piuttosto che il grasso. Finalmente una prova scientifica a quello che avevo sempre pensato. Ciò è facilmente spiegabile dal fatto che in casi come la corsa, il corpo deve avere energia con maggiore velocità e quindi usare il glicogeno è la soluzione migliore e piú economica, se poi la disponibilità scarseggia ecco entrare in gioco la gluconeogenesi con la catabolizzazione delle proteine muscolari e la trasformazione di esse in glicogeno.
Ricordate che come per ogni attività fisica e dietistica al vostro corpo non interessa che abbiate un addome scolpito; vi sente correre e lui pensa: “stiamo  scappando da un pericolo non ho tempo di usare 9kcal per scomporre una molecola di grasso e trasformarlo in energia, meglio usare qualcosa di più veloce”. Deriva da ciò il fatto che camminando lui non avverte pericolo si rilassa e dice: “siamo tranquilli ora per questa piccola fatica è meglio che attinga ai grassi come energia, i muscoli ed il glicogeno e meglio che li conservi in caso di pericolo”.

Oltre ad avere questi benefici in termini di perdita di grasso corporeo poi, la camminata all’ aria aperta ed in solitaria, porta con se benifici fisici e soprattutto psichici di rilassamento riducendo la produzione di cortisolo, l’ormone dello stress che deposita quel fastidioso grasso nella parte addominale.
L’ideale é rimanere sotto i 120bpm dai 20′ ai 60′ per un massimo di 3 volte a settimana se non si é troppo grassi, in quei casi le sedute cardiovascolari qui suggerite possono essere portate fino a 5.
In una società dove corriamo, anche con la mente, tutta la giornata prendetevi un po’ di tempo per una passeggiata: vi sentirete meglio! Ed ora un saluto a tutti, vado a prepararmi che mi aspetta la mia mezz’ora di passeggiata.

*C. Maffeis, M. Zaffanello, M. Pellegrino, C. Banzato, G. Bogoni, E. Viviani, M. Ferrari, and L. Tatò

Nutrient Oxidation during Moderately Intense Exercise in Obese Prepubertal Boys
J. Clin. Endocrinol. Metab. 90: 231-236; published online before print as doi:10.1210/jc.2004-0715

Annunci

Informazioni su Coachroby

Stregato dalla scienza e dalla straordinaria potenza del corpo.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli Perdita Grasso. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...